JEF Belarus action 2007

Diamo voce ai cittadini bielorussi!

Giovani mobilitati in 60 città per promuovere la democrazia in Bielorussia

, di Traduzione di Michele Gruberio, JEF Europe

Tutte le versioni di questo articolo: [English] [italiano]

Diamo voce ai cittadini bielorussi!

Lunedì 19 marzo 2007 giovani di oltre 30 paesi e 60 città si sono mobilitati in tutta Europa e oltre l’Atlantico per denunciare la mancanza di democazia in Bielorussia. Nell’anniversario della rielezione di Lukashenko, in oltre 60 città, da Kiev ad Edinburgo, le statue sono state imbavagliate con il messaggio “Date una voce ai cittadini della Bielorussia!”.

L’azione pubblica è stata intrapresa simultaneamente in un numero di città senza precedenti, accentuando il fatto che i giovani vogliono – e possono- agire oltre i confini dell’Europa e dimostrare così l’esistenza di una società civile soprannazionale e di una solidarietà internazionale. “I giovani da ogni angolo d’Europa stanotte sono per le strade d’Europa a chiedere un’Europa libera, unita e democratica” ha spiegato Asa Gunven, Vice- Presidente dei Giovani Federalisti Europei (JEF), che ha passato la notte ad imbavagliare le statue della città di Lisbona.

“Sono uscita stanotte per dimostrare il mio supporto agli oppressi cittadini della Bielorussia. È incredibile sapere che in questo preciso momento giovani in oltre 60 città in tutta Europa, ed oltreoceano, in Canada e negli States, sono uniti in questa azione simbolica per chiedere una Bielorussia libera e democratica. Questo vuol dire integrazione europea e solidarietà internazionale in azione! È il momento per i leader europei di convertire le parole in fatti e assumere un ruolo attivo nel cambiare la realtà per i nostri vicini europei tutt’oggi privi di libertà. Un messagio urlato forte e chiaro in 60 città europee, attraverso i confini d’Europa non può essere ignorato” ha continuato Asa Gunven.

In Bielorussia, gli incontri di più di 10 persone e l’esistenza delle ONG sono stati illegali sino all’anno scorso. La libertà di parola è pesantemente limitata, e si assiste alla persecuzione dei giornalisti e dei membri dell’opposizione governativa e l’uso di internet è monitorato dalle autorità. Negli ultimi due mesi gli arresti di civili, oppositori e attivisti della società civile sono drasticamente aumentati. L’anno scorso la JEF ha imbavagliato centinaia di statue in 23 città europee appena prima delle dubbie “elezioni” in Bielorussia, per protestare contro il regime e per dimostrare sostegno alla società civile. Quest’azione è servita inoltre a far aprire gli occhi al pubblico europeo su quanto avveniva in Bielorussia.

I cittadini europei devono aprire gli occhi sulla situazione interna alla Bielorussia, un paese dove l’opposizione incontra solo violenza e gli attivisti della società civile come noi sono sempre più messi agli arresti. La JEF si è impegnata a mettere in atto questa dimostrazione ogni anno, nell’anniversario dell’elezione di Lukashenko, fino a che l’ultima dittatura d’Europa non cadrà. Non possiamo rimanere inermi a guardare mentre i nostri vicini europei stanno letteralmente vivendo un incubo.” conclude Asa Gunven.

Per maggiori informazioni:

- foto dell’azione si possono trovare qui
- questo comunicato stama è disponibile anche in russo, bielorusso, francese e tedesco sul sito della JEF-Europe;
- l’azione ha avuto luogo l’anno scorso in 23 città in tutta Europa, al momento delle elezioni bielorusse – maggiori informazioni qui
- quest’anno l’azione ha avuto luogo simultaneamente nei seguenti stati e paesi:

Belgio: Brussels and Loewen

Bosnia-Erzegovina: Sarajevo

Bulgaria: Sofia e Varna

Canada: Ottawa

Croazia: Zagreb

Repubblica Ceca: Prague

Danimarca: Aalborg, Århus, Copenhagen e Odense

Finlandia: Helsinki e Oulu

Francia: Bordeaux, Nancy, Paris, Strasburgo e Lione

Germania; Berlino, Chemnitz, Friburgo e Jena

Grecia: Komotini

Irlanda: Dublino

Italia: Firanze, Roma e Campania

Kosovo: Pristina

Lettonia: Riga

Lituania: Vilnius

Montenegro: Podgorica

Olanda: Wageningen

Polonia: Varsavia, Wrclaw, Poznan, Gorzów, Gdansk, Bialystok, Cracovia e Wielkoposki

Portogallo: Lisbona, Porto e Matosinhos

Romania: Bucarest

Serbia: Niš

Slovenia: Lubiana

Spagna: Barcellona e Madrid

Svezia: Stoccolma, Lund, Goteborg, Malmoe, Borås and Skövde

Svizzera: Berna

Ucraina: Kiev and Lviv

Regno Unito: Edinburgo, York, Leeds e Nottingham

USA: Boston

Contatti: Åsa Gunvén, vice presidente JEF-Europe, email: asa.gunven chez gmail.com, cellulare: +351 96045 39 44

Nella foto:

statue imbavagliate a Matosinhos, Portogallo

Parole chiave

Tuoi commenti

moderato a priori

Attenzione, il tuo messaggio sarà pubblicato solo dopo essere stato controllato ed approvato.

Chi sei?

Per mostrare qui il tuo avatar, registralo prima su gravatar.com (gratis e indolore). Non dimenticare di fornire il tuo indirizzo email.

Inserisci qui il tuo commento

Questo form accetta scorciatoie SPIP [->url] {{gras}} {italique} <quote> <code> et le code HTML <q> <del> <ins>. Per creare i paragrafi, lascia delle linee vuote.

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom