Che cosa devono sacrificare gli eroi del Covid-19 per tenere al sicuro i pazienti?

, di Christine Mamo, tradotto da Sara Pasciuto

Tutte le versioni di questo articolo: [English] [italiano]

Che cosa devono sacrificare gli eroi del Covid-19 per tenere al sicuro i pazienti?

Il mondo ringrazia gli eroi della battaglia contro il COVID-19. Tra le loro file vi sono infermieri, agenti di polizia e assistenti sociali che hanno dovuto cambiare il loro stile di vita per prendersi cura dei pazienti e garantire la sicurezza della comunità.

Alcuni di questi eroi hanno dovuto lasciare le loro famiglie, combattendo la stanchezza mentale e lavorando in situazioni molto difficili. Come hanno fatto?

In media, uno su 10 maltesi infetti da COVID-19 è un operatore sanitario, secondo il sovrintendente di sanità pubblica di Malta, Charmaine Gauci. Il personale che lavora nei settori della sanità pubblica e privata è maggiormente a rischio perché è in costante contatto con i pazienti, afferma il prof. Gauci.

«Proprio come qualsiasi altra persona, anche gli operatori sanitari e gli assistenti possono essere infettati all’interno della comunità.»

L’ombra di questa tragica possibilità ha colpito gli operatori sanitari sia fisicamente che mentalmente, costringendoli a lasciare le loro famiglie e a iniziare a vivere in isolamento in appartamenti in affitto.

«Temo il fatto di essere infetto e di trasmettere il virus ai pazienti che dovrei aiutare a curare», dice l’infermiera maltese Rachel Amaira. “Questo pensiero mi colpisce a livello mentale. Ringrazio Dio di avere amici che sono infermieri e che mi supportano durante questo periodo stressante. A livello fisico alla fine staremo meglio, ma la nostra salute mentale potrebbe essere influenzata a lungo termine. "

Questi eroi stanno anche ricevendo segni di apprezzamento: ristoratori volontari forniscono loro pasti consegnati direttamente sul posto di lavoro.

Anche il ruolo degli agenti di polizia è leggermente cambiato: un numero considerevole pattuglia le strade per garantire che le persone non si radunino in gruppi di più di quattro. Nel frattempo, i soldati trascorrono i turni fuori dal perimetro della tendopoli dei migranti ad Hal Far per garantire l’applicazione delle misure di quarantena.

«Il pensiero di diffondere il virus ai miei cari o a persone vulnerabili mi è passato per la mente diverse volte, ma l’ho allontanato, concentrandomi sul mio dovere di aiutare i più vulnerabili a qualsiasi costo», ha detto l’ufficiale di polizia maltese Mark Cremona.

Pur non esponendosi a un rischio così elevato, gli assistenti sociali, gli psicologi e i consulenti hanno dovuto adottare nuovi metodi per continuare a fornire i loro servizi. Marica Cassar, responsabile delle pubbliche relazioni della Caritas Malta, che offre assistenza sociale e aiuta i bisognosi, ha affermato che tutti i dipendenti hanno spostato gran parte del loro carico di lavoro online. Le misure di allontanamento sociale hanno comportato la necessità di lavorare da casa, parlare con i clienti attraverso linee telefoniche di emergenza e condurre sessioni one-in-one via webcam. Tutto questo mentre si fatica a rimanere mentalmente vigili.

«Ero solita avere incubi ricorrenti in cui diventavo positiva», ha ammesso Cassar. “Ma quando mi sono assicurata di stare facendo tutto il possibile per non ammalarmi, sono tornata in pista e mi sono concentrata su come rimanere in salute. E allo stesso tempo su come trovare un equilibrio tra lavoro e vita privata per proteggere la mia salute mentale. Fai attenzione, vivi il momento e sii grato", ha detto, guardando il lato positivo.

Mentre tutto ciò sta accadendo, l’Unione europea ha lavorato incessantemente per aiutare ogni stato membro a superare questa pandemia. La Commissione europea ha approvato un programma da 5.3 milioni di euro per sostenere gli scienziati maltesi nella loro ricerca di mezzi efficaci per combattere la diffusione del COVID-19.

Tuoi commenti

moderato a priori

Attenzione, il tuo messaggio sarà pubblicato solo dopo essere stato controllato ed approvato.

Chi sei?

Per mostrare qui il tuo avatar, registralo prima su gravatar.com (gratis e indolore). Non dimenticare di fornire il tuo indirizzo email.

Inserisci qui il tuo commento

Questo form accetta scorciatoie SPIP [->url] {{gras}} {italique} <quote> <code> et le code HTML <q> <del> <ins>. Per creare i paragrafi, lascia delle linee vuote.

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom