Euro-generazione : i giovani e le sfide sul futuro dell’Ue

, par FISE

Euro-generazione : i giovani e le sfide sul futuro dell'Ue

Una generazione europea disillusa ? Secondo Carlo Ricchi, che firma l’articolo che inaugura la collaborazione FISE-Eurobull, l’evento organizzato dal Parlamento Europeo all’Auditorium di Roma è il simbolo della vivacità dei giovani in vista delle prossime elezioni europee.

Non è un caso che, per presentare la campagna di informazione del Parlamento europeo Stavoltavoto.eu, il Presidente Tajani abbia scelto una platea di giovani e giovanissimi, studenti provenienti dalle scuole di tutta Italia. Una generazione che, complice il tramonto delle ideologie e la crisi di corpi intermedi e grandi partiti di massa, vive l’attualità politica in maniera più distaccata di quanto non facessero i propri padri e i propri nonni. Perché, allora, puntare su di loro ? Perché, a differenza di chi li ha preceduti, sono nati con gli euro in tasca, “masticano” quantomeno l’inglese, sentono gli altri paesi europei molto più vicini, anche grazie a una maggior facilità ed economicità dei viaggi e ad esperienze come l’Erasmus. Per questo è lecito porre speranze in loro per venir fuori da questo periodo di crisi che vede l’Unione Europea percepita da buona parte dell’opinione pubblica come una “matrigna”, un covo di oscuri burocrati, origine delle attuali difficoltà economiche, e riprendere un percorso politico e culturale che porti verso un futuro federalista.

Giovani, il volto di un’Europa in movimento

Giovani che sono al centro della scena in vari momenti della serata, lo scorso primo febbraio, all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Cinque volontari di Stavoltavoto, provenienti dall’associazionismo e dal mondo dell’imprenditoria, hanno raccontato le proprie storie e che cosa significhi per loro l’Europa. Particolarmente efficace è stata la testimonianza di Nour El Kholy che, essendo figlia di madre romagnola e padre egiziano, ha il cosmopolitismo nel sangue : dopo due felicissime esperienze di studio all’estero in Spagna e in Portogallo, Nour ha deciso di entrare nell’associazione Erasmus Student Network per invogliare e aiutare suoi coetanei ad intraprendere lo stesso percorso. Inoltre, ragazzi di più licei italiani, che avranno l’opportunità di visitare la sede di Strasburgo il prossimo settembre, hanno scatenato la loro creatività realizzando cartelloni per celebrare il PE. Degna di nota è stata la parte dedicata alle eccellenze italiane che ricoprono ruoli di rilievo all’interno dell’ESA, l’Agenzia spaziale europea, prima con un videomessaggio dell’astronauta Samantha Cristoforetti, oramai star internazionale, e poi con un intervento accurato della Capo Gabinetto del Direttore Generale Elena Grifoni Winters, che ha ricordato agli studenti presenti l’importanza di uno studio serio e costante per costruire qualcosa di solido nella vita.

Prospettive e obiettivi futuri per l’Ue

Ha aperto e chiuso l’evento Antonio Tajani, evidenziando come il Parlamento Europeo sia l’unico organo rappresentativo dell’UE e elencando una serie di propositi da poter mettere in pratica nella prossima legislatura : stanziare nel prossimo bilancio 50 miliardi per lo sviluppo dei paesi africani per arginare il fenomeno dell’immigrazione ; trovare una voce comune in politica estera per trovare soluzioni più efficaci ed evitare caos come avvenuto nell’affaire libico (una non troppo velata tirata d’orecchi ai nostri cugini d’Oltralpe) ; creare un esercito europeo che sostituisca gli attuali 28 eserciti nazionali e investire i risparmi in innovazione e ricerca ; tassare i giganti del web e le grandi transazioni finanziarie e scovare paradisi fiscali. Ciò che a Tajani interessa maggiormente, al di là dei possibili vantaggi politici ed economici, è la costruzione di un’identità europea, pur senza rinnegare le proprie origini. Il Presidente dell’Europarlamento ha ricordato più volte le sue radici ciociare, ma ha anche sottolineato la necessità di ampliare i propri orizzonti.

Agli interventi istituzionali si sono alternati spazi musicali e contributi più leggeri di stelle del mondo della musica e dello sport come Andrea Bocelli, la pallanuotista olimpica Chiara Tabani e Massimiliano Rosolino, protagonista di alcuni siparietti molto simpatici in una serata che è stata prima di tutto una grande festa. Una grande festa europea.

Fonte immagine : FISE.

Vos commentaires

modération a priori

Attention, votre message n’apparaîtra qu’après avoir été relu et approuvé.

Qui êtes-vous ?

Pour afficher votre trombine avec votre message, enregistrez-la d’abord sur gravatar.com (gratuit et indolore) et n’oubliez pas d’indiquer votre adresse e-mail ici.

Ajoutez votre commentaire ici

Ce champ accepte les raccourcis SPIP {{gras}} {italique} -*liste [texte->url] <quote> <code> et le code HTML <q> <del> <ins>. Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom