Non lotteremo da soli: l’incontro della GFE Pisa con Laura Boldrini

, di Mariasophia Falcone

Non lotteremo da soli: l'incontro della GFE Pisa con Laura Boldrini

Lunedì 20 febbraio, presso la Sala Azzurra di Palazzo della Carovana, si è tenuto un incontro con la Presidente della Camera dei Deputati, On. Laura Boldrini, in occasione di un’edizione speciale de “I venerdì della Normale”. L’Onorevole Laura Boldrini, fin dalla sua elezione alla presidenza della Camera dei Deputati, ha sempre dimostrato una notevole apprensione verso le tematiche euro-federaliste.

Recentemente, insieme con i presidenti delle assemblee parlamentari di Austria, Belgio, Cipro, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Lussemburgo, Portogallo, Romania, Slovenia e Spagna, ha siglato una dichiarazione d’intenti, dal titolo “Più integrazione europea: la strada da percorrere”, volta a chiedere un completamento del progetto europeo, che abbia il culmine nella nascita di una vera e propria federazione. In tal senso la Presidente della Camera ha aperto le porte della camera bassa del Parlamento italiano alle istanze di noi giovani federalisti europei e di altre associazioni, invitandoci ad un’iniziativa svoltasi la scorsa primavera alla Camera dei Deputati in occasione della “Festa dell’Europa” e inserendoci nella commissione di eurosaggi, che aveva il compito di analizzare i risultati di una consultazione on-line sul futuro dell’Europa dal titolo “Lo stato e le prospettive dell’Unione Europea”, lanciata dalla stessa Presidente lo scorso autunno.

Dal nostro punto di vista, l’impegno dell’Onorevole Laura Boldrini per le tematiche euro-federaliste è encomiabile ed ammirevole. In un clima di europeismo blando e di euroscetticismo diffuso da parte della classe politica nazionale, è raro trovare un esponente politico che abbia le idee così chiare sull’Europa e sul suo futuro e che le esprima con così tanta forza e coraggio. Siamo troppo abituati a vedere politici, italiani e non, dire un “sì” all’Europa che è sempre un “sì ma...” , o peggio li vediamo scappare terrorizzati dalla parola Europa per paura di perdere qualche voto. In uno scenario del genere, la Presidente della Camera è una ventata di aria fresca. La sua fermezza nel pronunciare le parole “Federazione Europea” è per noi militanti una speranza, la speranza di non essere lasciati soli in questa battaglia che tutti direbbero già persa in partenza. Gli Stati Uniti d’Europa, la parola “federalismo”, non sono per la Presidente Boldrini un tabù e questo è per noi motivo di stima e profondo rispetto per il suo operato politico.

Dopo l’iniziativa presso Palazzo della Carovana, la nostra sezione ha avuto l’onore e il piacere di avere un colloquio privato con la Presidente della Camera. È stata un’occasione inestimabile di confronto che si è terminata in convinzione fondamentale: solo una maggiore integrazione può risollevare le sorti dell’Europa e dell’Italia. Ma noi federalisti pisani vogliamo ribadire questa convinzione con ancora più forza, oramai una maggiore integrazione a livello europeo non è una strada, ma è la sola e unica strada da percorrere. Per noi militanti, che spesso ci sentiamo soli nella lotta per il federalismo europeo, è stato sorprendente vedere come, in un clima più intimo privo di formalità di sorta, l’Onorevole Boldrini condividesse le nostre posizioni e idee, quasi fosse una militante del nostro movimento. La Presidente ha dimostrato inoltre un particolare e sincero entusiasmo per la manifestazione che si terrà a Roma il prossimo 25 Marzo, in concomitanza con la celebrazione dei sessant’anni dalla firma dei Trattati di Roma.

Tutto questo sprona tutti noi federalisti pisani ad impegnarci maggiormente per la manifestazione di Roma e ci ha raggiunto proprio nel profondo della nostra militanza. Questa occasione ci ha fornito l’adrenalina giusta per completare il rush finale di questa corsa incredibile che porta alla Manifestazione del 25 Marzo. Come sempre, da parte nostra continueremo la nostra battaglia per rilanciare il progetto europeo, per costruire finalmente quell’”Europa libera e unita” tanto sognata da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, ma ci ripromettiamo di farlo con molto più coraggio e determinazione.

Fonte immagine Wikimedia Commons

Rispondere all'articolo

moderato a priori

Attenzione, il tuo messaggio sarà pubblicato solo dopo essere stato controllato ed approvato.

Chi sei?

Per mostrare qui il tuo avatar, registralo prima su gravatar.com (gratis e indolore). Non dimenticare di fornire il tuo indirizzo email.

Inserisci qui il tuo commento
  • Questo form accetta scorciatoie SPIP [->url] {{gras}} {italique} <quote> <code> et le code HTML <q> <del> <ins>. Per creare i paragrafi, lascia delle linee vuote.

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom