Qual è il progetto europeo di Renzi e Mogherini ?

, par Roberto Castaldi

Qual è il progetto europeo di Renzi e Mogherini ?

La scelta di candidare Federica Mogherini come Alto Rappresentante dell’Unione europea per gli Affari esteri e la Politica di Sicurezza, e Vice-Presidente della Commissione ha suscitato un dibattito a livello italiano ed europeo. Alcuni hanno criticato la relativa inesperienza del Min. Mogherini o la sua giovane età. Ma anche il Servizio Europeo per l’Azione Esterna è giovane e bisognoso di energia per svilupparsi e affermarsi. Diversi Stati dell’Europa centro-orientale – giustamente preoccupati dagli avvenimenti in Ucraina e da una politica russa sostanzialmente imperialista – temono che una personalità italiana non percepisca la gravità della minaccia russa, anche per i legami economici tra l’Italia e la Russia. Oltre alle dichiarazioni sull’esser stata favorevole alle sanzioni nei confronti della Russia rispetto alla vicenda Ucraina, sarebbe importante che l’Italia chiarisse qual è il suo progetto e la sua proposta rispetto alla politica estera e di sicurezza dell’UE.

Intorno all’UE divampano tensioni e conflitti : Ucraina, Siria, Libano, conflitto israelo-palestinese, disfacimento dell’Iraq e della Libia, instabilità in quasi tutto il Nord-Africa, e tensioni politiche significative perfino in Turchia – anche a causa della scelta di non accelerare il negoziato per il suo ingresso nell’UE, che avrebbe portato una stabilizzazione democratica significativa e importantissima. Nessuno può sperare che non ci tocchino, o che siano altri – gli USA, alle prese con l’ascesa cinese e le conseguenti tensioni nell’Asia orientale – ad occuparsene. Sono a rischio sia la nostra sicurezza, che l’economia, per via degli approvvigionamenti energetici.

Qual è il progetto in funzione del quale l’Italia chiede che Federica Mogherini diventi l’Alto Rappresentante ? Quale uso vuole fare di quel ruolo ? Quali proposte istituzionali intende promuovere per creare davvero una politica estera e di sicurezza europea ? E quale politica intende perseguire rispetto ai principali focolai di crisi.

Di fronte alle sfide geopolitiche sul campo l’Italia dovrebbe proporre di superare l’unanimità sulla politica estera e di sicurezza, di avviare la Cooperazione strutturata permanente in materia di difesa, e creare un’Unione energetica. Con l’unanimità non ci sarà mai una politica estera europea. Con la cooperazione strutturata si può creare un embrione di esercito europeo con i Paesi disponibili, non essendo previsto un numero minimo di partecipanti per attivarla. Una difesa europea efficace è possibile anche senza la Gran Bretagna : Francia, Germania, Italia, Spagna, Polonia, Olanda e Grecia, insieme fanno oltre il 60% della spesa militare europea, e circa il doppio di quella russa. L’Unione energetica serve a negoziare con più forza, e ad investire di più, anche sulle rinnovabili.

Questo è un programma che giustificherebbe l’ambizione italiana, aiuterebbe l’UE ad affrontare le grandi sfide in corso, sarebbe coerente con l’obbiettivo di riavvicinare all’UE i cittadini – da sempre chiedono che parli con una sola voce nel mondo – e darebbe forza all’Italia anche sui negoziati sui dossier economici.

1. Fonte immagine Wikipedia

2. Articolo originariamente pubblicato sul blog Noi, Europei

Vos commentaires

  • Le 13 août 2014 à 13:04, par Francesco Franco En réponse à : Qual è il progetto europeo di Renzi e Mogherini ?

    La razionalizzazione e rduzione della spesa militare che contribuerebbe a facilitare il conseguimento dell’obiettivo difar restare il debito dentro il 3% del PIL) non potrebbe fare parte dei punti qualificanti del programma Renzi - Mogherini ?

  • Le 14 août 2014 à 21:32, par Jean-Luc Lefèvre En réponse à : Qual è il progetto europeo di Renzi e Mogherini ?

    Inexpérience ? Jeune âge ? Là n’est pas l’essentiel ! Mme ASHTON, issue de la Chambre des Lords, baronne en titre, excusez du peu, n’a pas rendu davantage crédible l’Union européenne sur la scène internationale. L’essentiel est de convaincre : la règle de l’unanimité n’est plus à l’ordre du jour, sinon pour bloquer ses partenaires, le repli sur soi énergétique ne débouchera que sur la dépendance de tous (à Gazprom, à l’OPEP...).

    Federica, io sono con voi !!!

Vos commentaires

modération a priori

Attention, votre message n’apparaîtra qu’après avoir été relu et approuvé.

Qui êtes-vous ?

Pour afficher votre trombine avec votre message, enregistrez-la d’abord sur gravatar.com (gratuit et indolore) et n’oubliez pas d’indiquer votre adresse e-mail ici.

Ajoutez votre commentaire ici

Ce champ accepte les raccourcis SPIP {{gras}} {italique} -*liste [texte->url] <quote> <code> et le code HTML <q> <del> <ins>. Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom