I federalisti alla prova della Conferenza sul Futuro dell'Europa - commentaires I federalisti alla prova della Conferenza sul Futuro dell'Europa 2021-03-09T09:19:09Z https://www.taurillon.org/i-federalisti-alla-prova-della-conferenza-sul-futuro-dell-europa#comment23893 2021-03-09T09:19:09Z <p>Begli spunti. Credo che il vero dibattito tra federalisti inizi proprio quando doverosamente si esula dalla discussione rientrante nell'orizzonte economico e sfocia in quello valoriale : come rimanere trasversal* mentre si parla di sfide che sono etiche e non solo di natura tecnico-giuridica ? Dove terminano i diritti umani e iniziano quelli civili o sociali ? Come rimanere aperti a tutte le forze politiche ? Il nostro compito è arduo e delicato : proporre soluzioni valoriali oltre che istituzionali, proprio perché siamo rivoluzionar*, senza rinunciare tuttavia alla nostra trasversalità. « Trasversalità » non significa solo per noi federalisti essere politicamente corrett*, accettabil*, e tantomeno tiepid*. Significa piuttosto fare in modo che nessuno si senta escluso dal nostro progetto, indipendentemente dal proprio credo politico. Per farlo è necessario un dibattito strutturato e un importante impianto teorico ! Possiamo e dobbiamo farcela ! Naturalmente più antidemocratico diventa lo scenario in Europa e nel mondo, più risulta difficile continuare a conciliare trasversalità a presa di posizione. Ma il fatto che partiremo da diverse posizioni non ci impedirà di trovare una sintesi anzi : ci aiuterà solo a rendere la complessità che la discussione merita.</p> I federalisti alla prova della Conferenza sul Futuro dell'Europa 2021-03-08T12:51:37Z https://www.taurillon.org/i-federalisti-alla-prova-della-conferenza-sul-futuro-dell-europa#comment23890 2021-03-08T12:51:37Z <p>Sono d'accordo con gli autori. Le forze autenticamente federaliste emergeranno quando si passerà di nuovo dalla teoria alla mobilitazione pratica in strada.</p> <p>A questo fine occorre, ora che la conferenza sul futuro dell'Europa sarà finalmente convocata, che le forze federaliste al moemento opportuno tornino nelle strade e nelle piazze per rivolgersi ai parlamentari italiani ed europei, al Presidente del Consiglio dei Ministri ed ai membri del Governo competenti chiedendo loro di adoperarsi affinchè :</p> <p>A. i cittadini europei e la società civile siano ampiamente associati ai lavori della Conferenza e restino riuniti fin tanto che dalla discussione non emergano decisioni significative in tema di riduzione del ruolo del voto unanime in seno alle istituzioni dell'Unione ed in particolare nel Consiglio europeo ;</p> <p>B. i lavori della conferenza siano mantenuti a livello « europeo » in particolare non suddividendola in tante conferenzine nazionali (suddivisione che pregiudicherebbe l'obiettivo di superare il principio dell'unanimità e farebbe gioco agli Stati reticenti ad un maggior equilibrio dei poteri tra Istituzioni dell'Unione) ;</p> <p>C. alla conferenza siano associati i parlamenti nazionali perché le sue conclusioni (sotto forma di testo di nuovo Trattato elaborato dal Parlamento Europeo) non dovranno essere inviate al Consiglio Europeo che le trasmetterebbe ai suoi ben forniti ed ordinati archivi, ma dovrebbero essere inviate direttamente ai Parlamenti nazionali per una ratifica parlamentare (possibile ai sensi della Convenzione ONU di Vienna del 1969 sul diritto dei Trattati) ed entrare in vigore quando ratificato da un primo nucleo di Stati (a cui potranno poi aggiungersene, successivamente, altri interessati).</p>