Copenhagen : le ragioni di un insuccesso - commentaires Copenhagen : le ragioni di un insuccesso 2010-06-04T07:53:10Z https://www.taurillon.org/Copenhagen-le-ragioni-di-un-insuccesso#comment8452 2010-06-04T07:53:10Z <p>Aggiungo altri argomenti sulla necessità del governo mondiale, verso il quale la Federazione europea costituisce un passo notevole : Una federazione mondiale come quella degli USA significherebbe non solo la fine delle guerre, che non è poco, ma anche l'unica salvezza dal disastro ecologico perché impedirebbe che alcuni stati per speculazione continuassero ad inquinare (o peggio che le industrie spostino in stati compiacenti le produzioni inquinanti) e permetterebbe di utilizzare per la conversione energetica le risorse ora impiegate nelle guerre, nella fabbricazione delle armi e le immense ricchezze divorate dalla mala vita. Secondo i calcoli dei più seri istituti scientifici il costo di detta conversione è molto maggiore di quello delle due guerre mondiali insieme e non c'è tempo da perdere.</p> <p>Lo stato mondiale permetterebbe di imporre il razionamento mondiale uguale per tutti delle emissioni dei gas serra, unico modo per coinvolgere con giustizia anche i paesi in via di sviluppo a partecipare alla salvaguardia del pianeta. Non possiamo ottenere che le economie emergenti partecipino alla riduzione dell'inquinamento fintanto che noi inquiniamo a testa il doppio o il triplo di loro. Rispondono giustamente : <<portatevi al="al" nostro="nostro" livello="livello" e="e" poi="poi" noi="noi" collaboreremo="collaboreremo">>. Vedere i leggibilissimi libri di Monbiot CALORE e L'ERA DEL CONSENSO.</portatevi></p> <p>Lo stato mondiale abolirebbe i paradisi fiscali, le speculazioni sui cambi, il commercio illegale, la coltura dell'oppio e la schiavitù che negli ultimi decenni ha raggiunto livelli mai toccati prima. Secondo Loretta Napoleoni ECONOMIA CANAGLIA sono 200.000.000 gli uomini che oggi lavorano in stato di schiavitù e secondo l'ONU il loro numero aumenta. Esso regolarizzerebbe fiscalmente e sindacalmente le flotte di migliaia di navi (1), iscritte nei registri di stati compiacenti, coordinerebbe la sanità mondiale, potrebbero sorgere ovunque centrali nucleari senza che vengano usate per scopi bellici, cesserebbero i bambini soldato e i voli degli aerei supersonici militari, che inquinano terribilmente. La morte per inquinamento è l'unica alternativa allo stato mondiale (2). Esso è una necessaria conseguenza dello sviluppo tecnico anche se sembra una pazzia, ma il non farlo sarebbe una pazzia maggiore. Basta fare i conti. Purtroppo gli uomini non amano fare i conti e amano la beata ignoranza anche se criminale. (2) Tanti scienziati, Giovanni XXIII e Benedetto XVI sostengono l'urgenza dello stato mondiale. Basta cercare in internet « World State ». (1) utilizzano combustibili schifosi e sono responsabili del 5% dell'inquinamento atmosferico. (2) vedere il problema energetico <a href="http://insiemeperconoscere.forumfree.it/?t=43992745" class="spip_url spip_out auto" rel="nofollow external">http://insiemeperconoscere.forumfree.it/?t=43992745</a></p> <p>Già nel 1700 Kant con il libro PER LA PACE PERPETUA propose la costituzione dello stato mondiale. L'amore degli uomini per la pace è così debole che lo stato mondiale non nacque. Ma adesso gli uomini devono decidere tra lo stato mondiale e la morte, e devono decidere in fretta.</p> <p>Le telecomunicazioni hanno fatto del mondo un piccolo paese. L'impero romano e quello cinese ignoravano reciprocamente le loro esistenze. Oggi in tutto il mondo con le telecomunicazioni si può comunicare in tempo reale come in un piccolo paese e le differenze si attenueranno. La malavita si è già adattata alla nuova situazione. Per fronteggiarla efficacemente ci vuole un unico stato.</p>