Brexit : storia di un patto leonino che danneggia tutti - commentaires Brexit : storia di un patto leonino che danneggia tutti 2016-02-25T18:47:01Z https://www.taurillon.org/brexit-storia-di-un-patto-leonino-che-danneggia-tutti#comment21769 2016-02-25T18:47:01Z <p>I nostri governi hanno colto la palla al balzo : gli inglesi, quei birichini, ci costringono a indebolire l'Europa Unita, mostrando come tutti i principi siano negoziabili, rinnegando l'Euro come moneta unica, sia pure in prospettiva, consentendo la discriminazione tra lavoratori europei ecc.. In questo modo mettono al riparo il loro consenso dai populismi e il loro potere dal suo trasferimento a livello comunitario, ma lo fanno in modo tale da attribuire ad altri la responsabilità di tale mossa.</p> <p>Anzi meriterebbero degli applausi per come hanno recitato la parte tragica dei paladini dell'Europa Unita costretti a piegarsi per amore dell'unità continentale alle pretese di Cameron. Il più bravo di tutti è stato il Premier greco Alexis Tsipras che ha perfino minacciato il veto ! Per lui ci vorrebbe l'Oscar come miglior attore non protagonista, ma non vorrei che si offendesse per quel « non ».</p> <p>L'Art. 10 della Costituzione italiana afferma che l'Italia accetta di cedere parte della sua sovranità all'interno di organizzazioni internazionali solo in condizioni di parità con gli altri Stati. Non c'era già traccia di tale sacrosanto principio nei rapporti tra la Gran Bretagna e l'Italia all'interno della UE essendo obblighi e vantaggi sbilanciati a favore della prima già da prima (stesso discorso varrebbe per l'ONU a dirla tutta), ma ora la situazione anzichè essere corretta viene ribadita e peggiorata.</p> <p>Vorrei però mettere in rilievo un aspetto : si parla molto nella stampa in lingua inglese di questo accordo e della possibilità che l'elettorato inglese lo bocci di fatto con il referendum sull'uscita del Regno Unito dalla UE (come se questa non si fosse umiliata abbastanza). Nessuno invece parla, che io sappia, dei passaggi che esso dovrà superare dall'altra parte del mare. Ci sarà pure un dibattito parlamentare a Strasburgo o a Parigi, un giudizio della corte costituzionale in Germania, un referendum in Irlanda o un ritardo nella ratifica da parte della Spagna ? Una petizione, una manifestazione, una dichiarazione da parte di un politico o un cantante o, che so, un chirurgo famoso ? Possiamo ancora sperare che qualcuno nel resto dell'UE muova un dito (magari il medio) per mostrare agli inglesi che l'Europa non è disposta a farsi dettare le regole da Londra ? O dobbiamo davvero solo sperare che la maggioranza di votanti il prossimo 23 giugno sia tanto stupida da far tentare alla Gran Bretagna il suicidio uscendo dalla UE e liberandoci da un compagno di strada che francamente è molto meglio perdere che trovare ? I nostri governi non faranno nulla, forse neanche i nostri parlamentari. Solo noi come popolo potremmo fare qualcosa. E allora... AIUTO !</p>