SERBIA E KOSOVO insieme nella UE, ma in quale UE?

, di JEF Europe, Traduzione di Massimo Contri

Tutte le versioni di questo articolo: [English] [français] [italiano]

SERBIA E KOSOVO insieme nella UE, ma in quale UE?

Il 17 febbraio 2008 un nuovo Stato è nato nel continente europeo. Questa nascita però non è stata celebrata da tutti, provocando profonde spaccature all’interno della Nazioni Unite e dell’Unione europea.

«In questo momento critico per la regione dei Balcani, la JEF Europe invita i giovani di Belgrado e Pristina ad agire come esempio per i governi ed i politici . I giovani del Kosovo e della Serbia appartengono alla nostra stessa generazione europea e la JEF creerà progetti comuni e opportunità per il dialogo e la cooperazione reciproca»- afferma Samuele Pii, Presidente della JEF Europe (organizzazione europea della Gioventù Federalista Europea).

«La dichiarazione unilaterale di indipendenza del Kosovo provocherà ulteriori instabilità nella regione dei Balcani e anche nei paesi di tutto il mondo dove minoranze nazionali richiedono il diritto di autodeterminazione. L’UE ha fallito il difficile compito di assumere una posizione comune, e i suoi Stati membri stanno andando ciascuno per la propria strada»- ha espresso Andjelija Arandjelovic, Vice-Presidente della JEF-Serbia.

... i giovani del Kosovo e della Serbia appartengono alla nostra stessa generazione europea ...

"L’indipendenza è il primo passo verso l’adesione all’Unione europea e la possibilità per tutte le minoranze del Kosovo di beneficiare dell’integrazione europea. La scelta di una bandiera moderna piuttosto che di una bandiera etnica è il miglior esempio di come risolvere i problemi della regione. Noi abbiamo l’ambizione di diventare membri dell’Unione europea insieme con tutte le altre nazioni della regione dei Balcani "- ha dichiarato Fehmi Hajra, Presidente JEF-Kosovo.

Nonostante le molte differenze di opinione e di tensioni, la Serbia e il Kosovo stanno guardando verso la stessa direzione - l’adesione all’UE. La JEF ritiene che in un mondo globalizzato non è possibile garantire la sicurezza, la prosperità economica e il rispetto dei diritti umani per i cittadini europei, senza il sostegno della comunità internazionale e dell’Unione europea.

"La questione è: in quale UE si uniscono i paesi dei Balcani? Un’Unione europea con un vero governo federale in grado di agire, o una UE che invece si muove in modo ambiguo? La JEF accoglie con favore l’adozione del Trattato di Lisbona, ma crediamo fortemente che il nuovo Trattato non risolverà questo dilemma. I nostri rappresentanti eletti hanno la responsabilità di trovare soluzioni ai problemi globali e di unire il continente europeo. Le sfide globali sono lì, e ora è giunto il momento di affrontarle! "- Ha proseguito Samuele Pii, Presidente JEF Europe.

L’indipendenza del Kosovo dimostra come sia debole e divisa la politica estera dell’Unione europea, ancora una volta incapace di prendere una posizione unita e decisiva. Il Trattato di Lisbona, una volta ratificato, potrebbe anche offrire una soluzione istituzionale per un’Europa a 27, ma sarà sicuramente inadeguato per un’Europa a 35. Con l’infrastruttura di Lisbona, l’Unione europea non avrà i mezzi necessari per aprire le porte ad altri stati membri. È compito del Parlamento europeo di elaborare proposte istituzionali per il futuro dell’Europa, e la JEF è pronta a lavorare con quei deputati che saranno disposti a mantenere i valori e gli obiettivi dell’integrazione europea, senza costruire una “Europa fortezza“.

... il Trattato di Lisbona è sicuramente inadeguato per un’Europa a 35 ...

"A seguito della ratifica di Lisbona, dobbiamo essere preparati a diversi scenari. Siamo pronti ad accettare il fatto che con le nuove regole nel Parlamento europeo, i paesi dell’ex Iugoslavia , Croazia, Kosovo, Montenegro, Serbia, ecc, abbiano una rappresentanza più ampia rispetto agli stati europei di media dimensione?

... è il momento di parlare del futuro dell’Europa in tutta onestà ...

Questo è solo un esempio – conclude Samuele Pii -per dimostrare che, dopo Lisbona, l’UE avrà ancora bisogno di una riforma istituzionale radicale. E ’il momento di parlare del futuro dell’Europa in tutta onestà”.

L’articolo è la traduzione del Comunicato stampa della JEF Europe sull’attuale critica situazione del Kosovo nell’UE e nel mondo

Parole chiave

Tuoi commenti

  • su 3 marzo 2008 a 10:56, di Massimo In risposta a: SERBIA E KOSOVO insieme nella UE, ma in quale UE?

    Ciao, mi permetto di segnalere anche l’ottimo articolo di Barbara Spinelli pubblicato da «La Stampa» lo scorso 24/02/08, Nazionalismi, veleno dell’Europa. Qui sotto il link all’articolo.

    ciao Massimo

Tuoi commenti

moderato a priori

Attenzione, il tuo messaggio sarà pubblicato solo dopo essere stato controllato ed approvato.

Chi sei?

Per mostrare qui il tuo avatar, registralo prima su gravatar.com (gratis e indolore). Non dimenticare di fornire il tuo indirizzo email.

Inserisci qui il tuo commento

Questo form accetta scorciatoie SPIP [->url] {{gras}} {italique} <quote> <code> et le code HTML <q> <del> <ins>. Per creare i paragrafi, lascia delle linee vuote.

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom